Un’ispirazione dantesca per Vento di Soave, storie di ostinata ma contraddittoria opposizione al gigante industriale. I giganti in questione sono le Centrali della zona industriale brindisina: il petrolchimico Eni e la centrale a carbone Enel, situata a Cerano. Il regista osserva da vicino, e per la prima volta anche da dentro. Raccontando un problema cruciale dei nostri giorni: il conflitto moderno tra progresso e danni ambientali e sociosanitari. Osservare Brindisi, quindi, significa soltanto osservare l’archetipo di un modello di sviluppo insostenibile, perseguito in diversi Sud del mondo e riproposto ancora, come dimostra quello che sta avvenendo tuttora nello stesso territorio salentino con la costruzione del gasdotto Tap.

 
 
Un film di
Corrado Punzi

Soggetto
Stefano Martella
Corrado Punzi

Sceneggiatura
Francesco Lefons
Corrado Punzi

Produzione
Fluid produzioni srl
Muud Film

Montaggio
Cristian Sabatelli

Direttore della fotografia
Corrado Punzi

Suono
Gianluigi Gallo

Scenografia
Luigi Conte

Mix
Soundwalk Studio

Produttore
Davide Barletti

Produttori esecutivi
Stefano Martella
Davide Barletti

Con il contributo di
Apulia Film Commission (Fondo Regional)
Asl Brindisi
Arci Lecce
Comune di Trepuzzi
Unione dei Comuni di Andrano Diso Spongano

Durata 75
Anno 2018